mepatool@mepatool.it 348 8605288

Finalmente tutte le aziende possono lavorare con semplicità all’interno del MePA grazie a mepatool.

Il MePA (mercato elettronico della pubblica amministrazione) è l’ambiente che fa parte del progetto di razionalizzazione delle spesa pubblica e che quotidianamente viene usato da migliaia di uffici della pubblica amministrazione (punti ordinanti) e migliaia di aziende che, tramite il MePA, offrono prodotti e servizi alla PA.

Il MePA ha consentito un grandissimi risparmi alla PA e ha determinato una maggiore omogeneità dei prezzi di prodotti e servizi a livello nazionale.
Il MePA fa parte del più ampio progetto acquistinretepa dove sono presenti anche gli altri progetti di acquisto e razionalizzazione: Convenzioni, MePI (mercato elettronico della Pubblica Istruzione) e Sistema Dinamico.

Acquistinrete, nonostante non sia conosciuto al grande pubblico, ha segnato di fatto una grande rivoluzione ed è sicuramente uno dei progetti all’avanguardia a livello europeo.

Il MePA è gratuito e aperto a tutte le aziende. Le aziende possono partecipare se è stata prevista all’interno del progetto, la presenza di categorie di beni e servizi da loro commercializzate o prodotte. La struttura delle categorie di beni e servizi avviene tramite la pubblicazioni di appositi bandi che, oltre a determinare i prodotti trattabili, ne definisce con molto dettaglio anche le caratteristiche.

Ormai la quasi totalità dei bene e dei servizi è presente all’interno del MePA e sono in constante aumento. I bandi attualmente attivi sono stati suddivisi nelle 2 macro aree BENI e SERVIZI per semplificare la classificazione.

All’interno del raggruppamento BENI sono presenti le seguenti categorie (in grassetto le categorie MePA gestibili tramite mepatool):

Forniture specifiche per la SanitàRicerca, rilevazione scientifica e diagnosticaArrediAttrezzatura e Segnaletica stradaleProdotti per il Verde, Vivaismo e Produzioni agricoleProdotti alimentari e affiniInformatica, Elettronica, Telecomunicazioni e Macchine per UfficioCancelleria, Carta, Consumabili e Prodotti per il restauroLibri, Prodotti editoriali e multimedialiAttrezzature Sportive, Musicali e RicreativeImpianti e Beni per la produzione di energia da fonte rinnovabile e per l’efficienza energeticaTessuti, Indumenti (DPI e non), equipaggiamenti e attrezzature di Sicurezza / DifesaProdotti Monouso, per Pulizie e per la Raccolta RifiutiMateriali elettrici, da costruzione, ferramentaMacchinari, Soluzioni abitative e Strutture logisticheVeicoli e Forniture per la MobilitàCarburanti, Combustibili, Lubrificanti e liquidi funzionaliProdotti Cimiteriali e Funebri.

All’interno del raggruppamento SERVIZI sono presenti le seguenti categorie (in grassetto le categorie MePA gestibili tramite mepatool):

Servizi di Ristorazione; Servizi di Stampa e Grafica; Servizi Audio, Foto, Video e Luci; Servizi di Informazione, Comunicazione e Marketing; Servizio di Organizzazione e Gestione integrata degli Eventi; Servizi di Logistica (Traslochi, Facchinaggio, Movimentazione Merci, Magazzino, Gestione Archivi); Servizi di Vigilanza e Accoglienza; Servizi Postali di Raccolta e Recapito; Servizi per l’Information & Communication TechnologyServizi di Conservazione DigitaleServizi di Firma digitale e Marca TemporaleServizi PEC (Posta Elettronica Certificata)Servizi di Telefonia e Connettività; Servizi di Contact Center; Servizi di supporto specialistico; Servizi di Formazione; Servizi per la gestione dell’energia; Servizi agli Impianti (manutenzione e riparazione); Servizi di Valutazione della Conformità; Servizi di Monitoraggio Ambientale e Sanitario; Servizi di Assistenza, Manutenzione e Riparazione di beni e apparecchiature; Servizi di Pulizia degli Immobili e di Disinfestazione; Servizi di Pulizia delle Strade e Servizi invernali; Servizi di Manutenzione del Verde Pubblico; Servizi di Gestione dei Rifiuti speciali; Servizi di Trasporto Persone; Servizi Sociali; Servizi Bancari; Servizi di Riscossione; Servizi Commerciali vari; Servizio di realizzazione Spettacoli Pirotecnici; Servizi Cimiteriali e Funebri; Servizi Professionali – Architettonici, di costruzione, ingegneria, ispezione e catasto stradale; Servizi Professionali legali e normativi; Servizi Professionali di Consulenza del Lavoro; Servizi Professionali fiscali e tributari; Servizi Professionali Attuariali; Servizi Professionali di Revisione Legale; Servizi Professionali al Patrimonio Culturale; Servizi di Amministrazione e Mediazione degli immobili; Servizi di Organizzazione Viaggi; Servizi di Ricerca, Selezione e Somministrazione del Personale; Servizi di Voucher Sociali.

Dall’inizio del 2017 sono state introdotte anche tutte le categorie relative alle attività edili; per molte tipologie di questi servizi non è prevista la gestione del catalogo ma solo le procedure RdO.

Tutte le categorie che rientrano nel bando “Lavori di manutenzione” sono le seguenti:

Lavori di manutenzione Edili; Impianti; Idraulici, Marittimi e Reti Gas; Stradali, ferroviari ed aerei; Beni del Patrimonio Culturale; Ambiente e Territorio; Opere Specializzate
Si può intuire da questa lista che, escluso tutte le attività relative all’edilizia intesa come opere murarie e di manutenzione, pochi prodotti e servizi restano esclusi ma i bandi e i prodotti sono in costante aumento e probabilmente saranno disponibili a breve.

Nel 2015 ci sono stati una media di 25.000 utenti loggati al giorno. Sono circa 43.000 le aziende iscritte al MePA; nel 2014 sono stati eseguiti 3800 milioni di euro tra ordini diretti (una media di 35.000 ordini diretti al mese), e Richieste di Offerta (ca. 12000 RdO al mese) con una crescita anno su anno che in alcuni mesi a superato il 100% in confronto all’anno precedente.

Rimandando l’approfondimento dei progetti MePI, Sistema Dinamico e delle Convenzioni, vediamo di comprendere meglio il MePA.

Come detto, il MePA è un ‘mercato elettronco’ e, semplificando, è molto simile a un sistema di commercio elettronico.
Ovvero, è necessario che i prodotti e servizi proposti alla PA siano inseriti all’interno di un catalogo correttamente classificato e coerente. Il MePA quindi replica all’incirca quello che avviene in un comune sito eCommerce: si trova il prodotto all’interno del sito e lo si acquista (o se ne richiede una quotazione tramite le funzione denominate Richesta di Offerta ‘RdO’).
Questo implica che le aziende, per poter partecipare al progetto, inseriscano i loro prodotti e servizi all’interno delle categorie previste (denominate metaprodotti) e ne descrivano accuratamente le specifiche in base a quelle previste dal sistema.
Questo aspetto è quello che spesso mette in confusione le aziende che, quando si parla di acquisti della pubblica amministrazione, tendono a pensare in un ottica di bandi di gara. In questo caso il sistema è molto diverso. Se il mio prodotto o servizio viene proposto sul MePA a un prezzo di mercato e un ufficio della PA ha necessità di quel bene o servizio, semplicemente lo acquista. E’ il catalogo del MePA stesso infatti che determina di fatto un livellamento dei prezzi e consente agli uffici acquisti della PA di valutare dal punto di vista economico la convenienza di un fornitore piuttosto che un’altro.

Ci sono naturalmente dei limiti di spesa; essi sono determinati in base alla soglia di acquisto comunitaria che, ad oggi, è di 40.000€ per gli ordini diretti o RdO con unico fornitore. Sopra questo importo il punto ordinante è obbligato a richiedere una quotazione.

Partecipare al MePA per un azienda o un libero professionista è molto semplice e, come detto, gratuito. Una volta effettuata l’iscrizione al portale acquistinretepa, è necessario richiedere l’abilitazione a uno dei bandi presenti nella sezione MePA.

La richiesta di abilitazione passa attraverso alcuni passaggi strettamente amministrativi e la creazione di almeno una riga di catalogo.
Il catalogo, ricordiamo, è infatti l’elemento centrale del progetto MePA e senza prodotti nel catalogo non si può partecipare al progetto.
Entro 10/15 giorni, il gestore, invia la conferma all’abilitazione o la richiesta di modifiche ai dati inseriti.
A questo punto l’azienda è operativa sul portale e può iniziare a vendere alla Pubblica amministrazione i beni e/o i servizi da essa proposti.

Pur essendo aperto a tutte le aziende gratuitamente, come per tutti i progetti strettamente legati alla tecnologia, anche il MePA introduce di fatto una soglia tecnica che può rendere difficoltoso per alcune aziende la partecipazione.
Il sistema è fatto in modo che questo elemento impatti il meno possibile e, oggettivamente, superate le prime difficoltà, gestire la propria offerta all’interno del MePA è molto semplice.
Per alimentare i cataloghi infatti sono disponibili diversi strumenti. E’ previsto infatti la creazione dei prodotti in modalità guidata on-line o tramite una serie di fogli di calcolo excel che rendono molto più semplice alimentare e aggiornare i propri cataloghi nel MePA.
Quando si ha però a che fare con molti prodotti e magari si sta partecipando a più bandi, la creazione dei cataloghi e l’aggiornamento degli stessi può diventare abbastanza complessa.

Per questo motivo è nato mePAtool
si tratta di un software mepa che semplifica moltissimo la creazione dei file-template excel di catalogo per la funzione sostituzione integrale.
mepatool è molto di più e permette di gestire tutte le attività commerciali per le aziende che lavorano con la Pubblica Amministrazione.
mepatool infatti offre la possibilità di massimizzare lo sforzo fatto per creare una scheda prodotto per il MePA consentendo di usarla per tutte le altre attività commerciali: creazione dei preventivi per la PA, gestione e valutazione delle RdO (Richiesta di Offerta), alimentare cataloghi personali cartacei e elettronici, alimentare il proprio sito e-commerce e migliorare i contenuti di landing page la presenza sui social network.
La funzione principale di mePAtool è quella di creare schede prodotto per alimentare i cataloghi sul MePA.